Viaggi

Lazio

TESORI DI TUSCIA

PATRIA DEGLI ETRUSCHI, TERRA DEI PAPI

da Lunedì, 24 Aprile, 2023 a Venerdì, 28 Aprile, 2023
5 giorni/ 4 notti

Un territorio antico, che ancora oggi vive pressoché incontaminato, ricco di arte, archeologia e natura, in cui tutti i sensi vengono appagati: la vista di paesaggi suggestivi e borghi pittoreschi; il clamore delle feste paesane che ricordano vetuste tradizioni, i suoni dei boschi incantati e lo sciabordio dei fiumi limpidi che attraversano antiche vallate; i profumi ed i sapori della cucina tipica con i prodotti della sua terra: nocciole, castagne, l’olio speciale e i celebri vini che sanno di storia; la manualità e la maestria degli artigiani nel realizzare oggetti unici che attingono alle radici di un passato sempre vivo.

Itinerario di viaggio

5 Tappe
MILANO CASCINA GOBBA MM – BOMARZO - BOLSENA
Giorno 1
Lunedì 24 Aprile
Ritrovo dei Partecipanti a Milano presso il parcheggio di Cascina Gobba MM, incontro con l’accompagnatore e partenza con pullman GT per Bomarzo. Arrivo e pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata del famoso “Parco dei Mostri”, un complesso monumentale situato alle pendici di un vero e proprio anfiteatro naturale. Fu realizzato nella metà del Cinquecento su commissione del principe Pier Francesco Orsini (detto Vicino Orsini). Molti studiosi hanno tentato di dare una spiegazione logica alle stravaganti costruzioni presenti nel parco, ma queste sono destinate a rimanere in un’area a metà tra arte, magia e letteratura. Al termine proseguimento per Bolsena. Arrivo e sistemazione in hotel. Cena e pernottamento.

 
BOLSENA – VITERBO – PALAZZO FARNESE DI CAPRAROLA - BOLSENA
Giorno 2
Martedì 25 Aprile
Prima colazione in hotel. Trasferimento a Viterbo, denominata "Città dei Papi", conserva in realtà numerose tracce di epoche più remote, etrusche e romane. L’itinerario della visita inizia dal piazzale del Sacrario che permettere di raggiunge la Piazza del Comune, dove si trova il Palazzo dei Priori (solo esterno), al cui interno gli affreschi tardo cinquecenteschi della Sala Regia (XVI sec.) sintetizzano artisticamente le leggende e la storia della città. Si prosegue poi per piazza del Gesù, dove sorge una delle più antiche e delle più famose chiese di Viterbo, tanto da essere ricordata da Dante nella sua Divina commedia. Emblema della città, rimane comunque il Palazzo dei Papi (solo esterno), eretto nella seconda metà del XIII secolo, di aspetto austero ma con una bellissima loggia ad archi sorretta da coppie di colonne. Nella stessa piazza si trova la Cattedrale, realizzata nel XII secolo in stile romanico, si presenta oggi agli occhi del visitatore in stile rinascimentale, a causa di rimaneggiamenti del Cinquecento. L’unico elemento rimasto fedele all’originale, visibile dall’esterno, è il campanile. Poco lontano dalla piazza, dopo aver ammirato l’elegante e severo Palazzo Farnese (XIV-XV sec.), si raggiunge il Quartiere di S. Pellegrino, un raro e suggestivo esempio di quartiere duecentesco integralmente conservato, dove il susseguirsi di torri, case con profferlo e piazzette permette di cogliere il fascino antico della Viterbo che fu. Sulla famosa piazzetta sorge la chiesa di S. Pellegrino risalente all’XI secolo. Al termine si raggiunge Caprarola. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita guidata al Palazzo Farnese, dove avremo modo di ammirare il magnifico palazzo cinquecentesco, iniziato sotto il pontificato di papa Paolo III e terminato sotto il nipote Alessandro Farnese, che racconta la storia, le curiosità e i momenti salienti di questa potente famiglia. La visita si svolgerà all'interno delle bellissime sale del piano Nobile, abitate dal Gran Cardinale Alessandro, affrescate dai più grandi artisti manieristi del Cinquecento. In seguito, condizioni meteo permettendo, visiteremo i meravigliosi giardini rinascimentali con i loro giochi d'acqua. Al termine rientro in hotel. Cena e pernottamento.
BOLSENA – CIVITA DI BAGNOREGIO - BOLSENA
Giorno 3
Mercoledì 26 Aprile
Prima colazione in hotel. Partenza per Civita di Bagnoregio. Arroccato su uno sperone di roccia tufacea a 443 metri s.l.m., il borgo domina la valle dei calanchi che si estende intorno, grazie a questo isolamento conserva intatta la sua struttura architettonica medievale. Unita a Bagnoregio tramite un unico ponte, anche se una volta di qui passava una delle strade più antiche d'Italia, Civita ci appare oggi in un isolamento quasi surreale dovuto ad una serie di crolli e cedimenti della terra argillosa sulla quale è costruito l'intero paese che tuttora è in pericolo. Patria del monaco-filosofo francescano San Bonaventura e del saggista-romanziere Bonaventura Tecchi, Civita di Bagnoregio ha origini antichissime. Al piccolo borgo si può giungere soltanto a piedi, percorrendo un ponte in cemento armato realizzato a vantaggio dei pochi cittadini rimasti e dei turisti che la visitano. Pranzo in agriturismo. Trasferimento a Bolsena. Visita guidata della città, che sorge sulle sponde del lago vulcanico più grande d'Europa, in posizione strategica sulla via Cassia. Fu stazione di pellegrini e viandanti che transitavano sulla Via Francigena. La cittadina è dominata dalla Rocca Monaldeschi, che fu iniziata sotto papa Adriano IV nel 1157 per fortificarla e munirla di solida difesa militare in previsione dell'invasione di Federico Barbarossa. Sotto i Monaldeschi vennero eseguiti lavori di ristrutturazione che trasformarono la rocca in dimora signorile. Al suo interno è oggi allestito il Museo Territoriale del Lago. Da vedere è, inoltre, la Basilica di Santa Cristina composta da tre distinti nuclei; la chiesa romanica del secolo XI, la cappella nuova del Miracolo, edificata nel 1693 per custodire le Sacre Reliquie del Miracolo Eucaristico del 1263 e la Grotta di Santa Cristina. Si possono inoltre visitare le Catacombe, uno dei più grandi e meglio conservati cimiteri cristiani del IV secolo d. C. Al termine rientro in hotel, cena e pernottamento.
BOLSENA – TUSCANIA – TARQUINIA – BOLSENA
Giorno 4
Giovedì 27 Aprile
Prima colazione in hotel. Al mattino visita guidata di Tuscania, situata su un ripiano di tufo all’inizio della Maremma Viterbese. Qui si trovano resti risalenti al periodo etrusco e romano, ma soprattutto le splendide chiese romaniche di S. Pietro e S. Maria Maggiore, i monumenti romanici più significativi del Viterbese. Non si può però lasciare Tuscania senza aver passeggiato nel centro storico protetto dalle mura in tufo. È infatti un vero e proprio quartiere-museo caratterizzato da palazzi aristocratici, vicoli, archi e antiche chiese come S. Maria della Rosa, capolavoro dell’arte romanica, oppure il Duomo di S. Giacomo con all’interno un pregevole polittico di Andrea di Bartolo. Pranzo in agriturismo. Nel pomeriggio si raggiunge Tarquinia, visita della Necropoli, dichiarata dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità” per la presenza di un eccezionale ciclo monumentale di tombe dipinte, definito come “la prima pagina della grande pittura italiana”. È il più grande dei cimiteri dell’antica città etrusca di Tarquinia e consta di più di 6000 tombe etrusche sotterranee che occupano tutto il vasto colle di “Monterozzi”. Al termine tempo libero per passeggiare nel bellissimo centro storico ricco di botteghe artigiane. Quindi rientro in hotel. Cena e pernottamento.
BOLSBOLSENA – VITORCHIANO – VILLA LANTE A BAGNAIA – MILANO CASCINA GOBBA MM
Giorno 5
Venerdì 28 Aprile
Prima colazione in hotel. Al mattino partenza per Vitorchiano. Antico borgo arroccato su uno sperone di peperino, Vitorchiano è un tutt’uno con la roccia sulla quale è stato costruito. Caratteristico borgo medievale, costruito tra i monti Cimini e il torrente Vezza, conserva intatte le testimonianze di un lontano passato che la legano indissolubilmente a Roma. Nello stemma del paese figura infatti la dicitura S.P.Q.R., lettere che Vitorchiano poté aggiungere nel 1265 perché il Campidoglio concesse di potersi fregiare del titolo di “Terra fedele all’Urbe”. Vitorchiano è un borgo dove il tempo sembra essersi fermato, non a caso Monicelli lo scelse per girare alcune scene dell’Armata Brancaleone. Al termine si raggiunge la frazione di Bagnaia per visitare la splendida Villa Lante, assieme a Bomarzo, è uno dei più famosi giardini italiani a sorpresa manieristici del XVI secolo. Nel 2011 è stata votata “Parco più bello d’Italia”. Il complesso include due casini pressoché identici all’esterno, costruiti in momenti differenti decorati con affreschi cinquecenteschi nella Palazzina del Cardinale De Gambara e Seicenteschi nella Palazzina Montalto. Ma i giardini costituiscono l’attrazione principale, specialmente i giochi d’acqua, dalle cascate, alle fontane ai grottini sgocciolanti. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio partenza per il viaggio di rientro con arrivo previsto in serata.
La quota individuale di partecipazione comprende

•    Accompagnatore Diomira per tutto il tour
•    Pullman GT a disposizione come da programma
•    Sistemazione in hotel 3 stelle a Bolsena, in camere doppie con servizi privati
•    Trattamento di pensione completa dal pranzo del primo giorno al pranzo dell’ultimo
•    Bevande incluse ai pasti (1/4 vino e ½ acqua)
•    Visite guidate come da programma (3 giornate intere + 2 mezze giornate)
•    Auricolari per tutto il tour
•    Ingressi, come da programma:
◦    Caprarola: Palazzo Farnese
◦    Civita di Bagnoregio:
▪    Ingresso a Civita
▪    Bus Navetta dal parcheggio bus turistici al belvedere e viceversa
◦    Bolsena: Rocca Monaldeschi
◦    Tarquinia: biglietto cumulativo della Necropoli e del Museo Archeologico
◦    Bagnaia: Villa Lante
◦    Bomarzo: Parco dei Mostri
•    Assicurazione medico-bagaglio durante il viaggio “Bene Assicurazioni” by AmiAssistance (include Covid-19)
•    Materiale di cortesia

 
La quota individuale di partecipazione non comprende

•    Ingressi non menzionati sopra
•    Copertura annullamento, su richiesta
•    Mance, extra in genere, tutto quanto non espressamente specificato alla voce “la quota individuale di partecipazione comprende”

 
Note generali

•    Offerta con blocco dei servizi
•    Per questo viaggio è necessario avere la Carta d’identità in corso di validità
•    Per la parte normativa rimandiamo alle nostre condizioni generali di viaggio su www.diomiratravel.com e alle leggi che regolamentano il turismo
•    Non è previsto nessun rimborso per chi si dovesse presentare alla partenza senza i documenti necessari per il viaggio o con documento scaduto

 
Condizioni di pagamento
Acconto              25% al momento della conferma
Saldo                    entro 1 mese dalla partenza
 
Stampa itinerario

I Nostri Partners

Chiudi